Via Mons. Domenico Valerii, 131

67051 Avezzano (AQ)

Tel. 0863 39262 - e-mail: aqis01300l@istruzione.it

 

Dal 24/10 al 13/11 gli studenti del II biennio e del quinto anno svolgeranno attività Didattica Digitale Integrata come da ordinanza del sindaco n.51586 del 22/10/2020

Determina DS

 

Famiglie degli studenti e visitatori si ricevono solo per appuntamento

 

TUTTI GLI AMBIENTI DELL'ISTITUTO GALILEI SONO STATI SANIFICATI SECONDO LE DISPOSIZIONI DI LEGGE CON OSSIGENO ATTIVO A BASE DI PEROSSIDO DI IDROGENO - PRODOTTO CONFORME ALLA CIRCOLARE 0005443 DEL 22/02/2020 DEL DGPRE MINISTERO DELLA SALUTE.

CERTIFICAZIONE L82/DM274/97

Clicca sull'immagine per scaricare il pieghevole

INFORMATIVA - alunni fragili segnalazioni eventuali patologie 

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA'

(da scaricare e restituire firmato)

PIANO SCOLASTICO PER LA DIDATTICA DIGITALE INTEGRATA

PROTOCOLLO ANTI COVID (INFORMATIVA)

REGOLAMENTO COVID

(Addendum al regolamento di Istituto)

 

“il sapere vi renderà liberi

di essere inattaccabili”

Ismaele La Vardera, giornalista de Le Iene, nella mattinata del 21 novembre 2019, ha incontrato i ragazzi delle classi quarte e quinte del “Galilei”, nell’aula magna dell’istituto. Una mattinata di confronto e dialogo con i giovani  in occasione della presentazione del suo libro “Il peggio di me”, in cui il giornalista del programma di Italia 1 parla di lotta alla mafia, legalità, giustizia, passione per il giornalismo e storie di vita vissuta nella sua Palermo. L’incontro è stato moderato dal giornalista Federico Falcone, che ha interagito con La Vardera e gli studenti  hanno colto l’occasione per porre all’ospite numerose e stimolanti domande. 

Una vera e propria lezione di vita quella che La Vardera ha voluto regalare agli studenti marsicani: “Non fate dei limiti che la vita vi ha imposto delle giustificazioni per essere mediocri”, ha sottolineato la iena siciliana, “non dovete mai pensare di non farcela: seguite sempre i vostri sogni. Quando ho fatto questa inchiesta il programma de Le Iene si è interessato e mi ha chiamato a lavorare con loro. Per me era un sogno sin da quando ero piccolo. Quindi nella vita non si deve mai rinunciare ai sogni, e nessuno si deve permettere di scegliere per la tua vita”

Vai all'inizio della pagina