«La storia si ripete»

viaggio fra le quattro rivoluzioni industriali: riflessione sulle conseguenze e l’impatto che hanno avuto sulla Terra.

Presso l'Aula Magna dell'Istituto Galilei

 

Il giorno 09/04/2022 presso l’Aula Magna del “Galilei” si è svolto un coinvolgente seminario con la presenza del prof. Sergio Natalia, avente come tema centrale il cambiamento. La docente di Lettere prof.ssa Vincenza Nanni, dopo una breve introduzione e i ringraziamenti di rito ha passato il microfono al prof. Natalia. «La storia si ripete», questa la premessa che ha permesso di viaggiare fra le quattro rivoluzioni industriali e di capire quali sono state le loro conseguenze e l’impatto che hanno avuto sulla Terra. Il cambiamento è stato quindi analizzato dal punto di vista lavorativo: si è parlato, infatti, di Impresa 4.0. Un nuovo contesto sociale dove oltre alle capacità espositive, a quelle organizzative e a quelle diagnostiche, si aggiunge la necessità di conoscenza digitale. Per questo è stato avviato un processo di digitalizzazione orientato alla formazione di giovani capaci e volenterosi, che saranno i protagonisti di questa nuova era lavorativa. Il target principale oltre il 5g, la biotecnologia e l’essenziale cyber-sicurezza è l’intelligenza artificiale, un ramo dell’informatica, che rende i robot capaci proprio come noi umani. Per tale motivo il professore Natalia ha voluto ricordare come dobbiamo ampliare i nostri confini mentali per essere sempre un passo avanti alle macchine. I cambiamenti sono stati affrontati anche sotto il punto di vista geopolitico, una disciplina che fonde la storia e la geografia e che analizza i conflitti e i cambiamenti in una porzione di spazio. Si è fatto riferimento a paesi come La Cina, che è divenuta la fabbrica del mondo, a continenti come l’Africa dove la demografia è in costante crescita. L’ultima parte dell’intervento è stata dedicata all’attuale conflitto fra Russia e Ucraina. Il relatore ha iniziato descrivendo la storia e le peculiarità dei due Paesi, per poi esprimere un commento personale sui motivi dello scoppio, l’evoluzione che potrà avere e soprattutto lo scenario futuro. Il tema centrale della mattinata è stato quindi il cambiamento, che può però sfociare in evoluzione o in regressione, due facce della stessa medaglia che dobbiamo imparare a distanziare e a differenziare. Il prof. Natalia durante la conferenza ha esposto ai ragazzi anche alcuni dati e ricerche scientifiche che hanno avvalorato le sue tesi. L’incontro è stato certamente l’occasione per far capire a giovani ragazzi la necessità di avere una generazione futura ancora più capace della precedente, che potrà sostenere, gestire e non essere comandata dalla tecnologia creata dall’uomo stesso. Inoltre, il professore ha fatto comprendere ai ragazzi che le guerre sono semplicemente la punta dell’iceberg di precedenti anni e anni di ragionamento e di un meditato profitto e sono quindi analizzate anche dalla geo-economia. Le domande rivolte dagli studenti e dai docenti sono state molteplici e hanno toccato temi delicati, come i nuovi confini dell’Europa, i requisiti per essere classificati “Creativi” nel mondo lavorativo e soprattutto il destino del “Nord stream 2”. Le ultime riflessioni sono emerse sulla globalizzazione con i commenti di alcuni docenti. Gli studenti ringraziano il professore intervenuto e la Funzione strumentale che ha consentito questo incontro.

Maceroni Pierfrancesco

Vai all'inizio della pagina